Incidenti a Barcellona nel giorno della festa nazionale spagnola

Ultras e fascisti in mezzo ai 65 mila che hanno preso parte al corteo unionista: sediate in piazza di Catalogna

Incidenti a Barcellona

Incidenti a Barcellona

globalist 12 ottobre 2017

Alla fine sono state botte. Non certo tra tutto, ma grande è stata la tensione: circa 65mila persone hanno partecipato alla marcia unionista convocata a Barcellona in occasione della festa nazionale spagnola della Hispanidad da organizzazioni contrarie alla secessione
In un manifesto letto al termine della marcia, i manifestanti hanno denunciato le "crescenti instabilità politica, insicurezza giuridica e incertezza economica" provocate dalla spinta secessionista del governo catalano.
Ma con gli unionisti, come era prevedibile, si sono presentati anche gruppi di estrema destra, fascisti e franchisti, che hanno cercato di cavalcare la risposta nazionalista spagnola al secessionismo di Puigdemont.
Un gruppo di estremisti di destra che portavano simboli dei falangisti (i fascisti spagnoli) sono stati bloccati dalla polizia che ha trovato nelle loro auto pugni di ferro, razzi e catene, pronti per essere utilizzati negli scontri di piazza.
In piazza di Catalogna un gruppo di ultras pro-Spagna ha poi dato l'assalto a bar Zurich lanciando sedie e scontrandosi con altri presenti.