Il sessismo sguaiato del Viperetta: ma la colpa è di chi lo fa parlare

Quando finalmente il mondo della comunicazione riprenderà il suo ruolo di filtro? Quando si accorgerà della grande responsabilità che ha ogni volta che questi messaggi passano in tv? 

Ferrero

Ferrero

Claudia Sarritzu 9 aprile 2018

Il problema è sempre lo stesso: ciò che segue a una frase offensiva e sessista. L'immobilismo, il "così fan tutti". La polemica sui social va bene ma ciò che imbarazza è l'assordante silenzio di alcuna stampa che quando si esprime è per giustificare, e quello degli organi garanti e rappresentativi come Figc e Lega. Questo signore andrebbe multato e non più intervistato. Siamo stanchi delle giustificazioni "ma è fatto così, è un personaggio, non lo ha fatto per male, ma da uno così cosa ti aspetti". Se queste persone hanno un potere mediatico quindi le loro parole arrivano a milioni di persone tramite la tv, devono essere fermate e sanzionate da chi ha maggiore responsabilità, da chi permette a questi individui di entrare nelle case di centinaia di migliaia di famiglie. Il sessismo, la donna oggetto, vista come un "buco" da penetrare senza chiederle il permesso come un pallone o la porta di un campo da calcio, vanno sconfitti mettendo a tacere chi la donna la considera tale. 


Quando finalmente il mondo della comunicazione riprenderà il suo ruolo di filtro? Quando si accorgerà della grande responsabilità che ha? 



«Mi dispiace per l'infortunio di Murru a inizio gara, i giocatori del Genoa hanno picchiato duro. Giampaolo è stato penalizzato da questo. Osti direbbe 'chi si accontenta gode', per me invece è stata un'occasione persa ma il mister l'ha preparata benissimo». Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, dopo il pari senza reti nel derby della Lanterna ha dato il peggio di sè con una frase sessista che ha scatenato la polemica sui social ma non tra i vertici della Federcalcio «Giampaolo anche l'anno prossimo alla Samp? Io gli voglio bene perché è un maestro di calcio ed è una grande persona e un grande lavoratore - ha aggiunto Ferrero a Premium Sport -: sta lì 12 ore a staccarsi i maroni con questi che quando vedono la palla non la buttano dentro. Ma la palla è come una donna, va penetrata non va discussa! ». Alcuni giornali sono stati anche peggio titolando "Ferrero Show". Ma quale show? La sua frase è una offesa all'intero genere femminile. Ci aspettiamo che durante la prossima giornata di campionato questo signore non venga intervistato. Le giornaliste sportive prendano le distanze una volta tanto e si arrabbino.