Tunisia-Libia in tv: passeggeri dimenticati a bordo dell'aereo fino al fischio finale

L'aeromobile del volo Lione-Tunisi rimasto sulla piazzola, con l'equipaggio a tentare di calmare gli animi. Solo dopo il fischio finale i passeggeri sono potuti scendere

Aereo di Tunisair

Aereo di Tunisair

Diego Minuti 13 novembre 2017

Un popolo intero ed un intero Paese hanno gioito per la qualificazione della Tunisia per la fase finale di Russia 2018, grazie al risultato positivo dell'incontro con la Libia.
Abbiamo scritto ''Paese intero''? Pardon, non è esattamente vero perché c'é stato chi ha aspettato la fine della partita non per gioire, per andare in strada, a clackson spiegati  bandiere al vento, a festeggiare, ma per potere scendere dall'aereo fermo sulla piazzola di sosta dell'aeroporto di Tunisi-Cartagine perché gli addetti alla scaletta erano spariti.
Non esattamente spariti, erano nei capannoni e negli uffici dell'aerostazione a seguire con partecipata emozione la partita.
Ora, obietterà qualcuno, ma è normale che si tengano sequestrati dei passeggeri per vedere in tv una partita di calcio? In Tunisia evidentemente sì. 
Secondo quanto ha accertato il quotidiano on line Tunisienumerique, il volo Lione-Tunisi di Tunisair ha toccato la pista alle 19.30. Quando, dopo le solite raccomandazioni del comandante ai passeggeri di restare seduti sino al definitivo stop, l'aeromobile si è fermato sulla pizzola, tutti hanno preso i bagagli a mano, riaperto i telefonini e si sono messi in fila per scendere. Cinque, dieci, quindici minuti, ma degli addetti alla scaletta, così come quelli che dovevano svuotare la stiva dei bagagli nessuna traccia. Il comandante ha fatto il dovuto: una telefonata alla aerostazione per chiedere, non sappiamo con che modi, cosa stesse accadendo. Un attimo che ci informiamo: comandante, ha ragione, ma stiamo cercando di capire. e così via. Sino alla ferale notizia: non c'è nessuno ad aiutarvi perchè stanno vedendo in tv la partita della nazionale con la Libia.
I guai sono venuti quando il comandante ha dovuto comunicare, ai passeggeri, che per le solite ''cause indipendenti dalla nostra volontà'', le operazione di svuotamento dell'aereo avrebbe subito un ritardo. Di quanto, il comandante non lo ha detto subito, sperando in cuor suo che la partita non andasse ai supplementari. Alla fine, dopo il triple fischio libertatori, il sequestro dei passeggeri è finito.
Per i loro commenti, bisogna attendere di andare la fascia protetta.