Cari leghisti, quando gli imprenditori si uccidevano al governo c'eravate voi

Giustificano il no allo Ius Soli dicendo: pensiamo agli italiani poveri. Quanti operai licenziati negli anni d'oro di Galan?

Zaia e Galan

Zaia e Galan

Fabio Zanuso 20 giugno 2017

Allora, se ho ben capito, un coglione attentatore islamico è un terrorista, un coglione attentatore bianco è un lupo solitario.
Ma si può essere più falsi e in malafede?
Stesso schema per lo jus soli, i celticopadani dichiarano di “non voler leggere il ddl, noi pensiamo alle famiglie italiane che non ce la fanno” e bla e bla e bla, ma davvero sanno leggere?
E in vent'anni che hanno governato da Roma, più altri 10 nelle tre regioni più produttive dello stivale, quante famiglie hanno salvato? C’era per caso Stalin governatore del Veneto (che governano da sempre) nella stagione degli imprenditori suicidi???
No, c’era Galan, e Zaia presiedeva la provincia di Treviso, gli imprenditori si impiccavano, gli operai perdevano il lavoro, e nel mentre i loro amici prosciugavano le pecunie di tutte le banche site in loco.
Ma come è possibile che nel 2017 questi figuri possano ancora fare la morale in tv su qualsiasi tema?
Oh, quasi scordavo, fascio attira fascio, ci sono pure i novizi dell’aula: i fasciostellati, che sono quelli del “non siamo contro gli immigrati, ma…”, quel ma così odioso che tutti i razzisti utilizzano alla fine di una frase, anni fa era gettonatissima “Mussolini era un dittatore ma…i treni erano in orario e tutti avevano un lavoro”.
Son passati quasi quattro anni, dovevano imparare, studiare, magari far promulgare una legge, così eh, giusto per non annoiarsi a contare scontrini e progettare funivie, invece no, nessuna legge a prima firma fasciostellata promulgata dall’aula, nisba.
Gli emolumenti per aver prodotto il nulla, quelli sì, quelli li prendono e una parte li danno ad aziende che vi invito a controllare in quale orbita girino.
Stanno facendo un’altra Compagnia delle opere (decine di migliaia di aziende affiliate ai giussanini nella sola Lombardia, la maggior parte legate al settore del mattone), stesse modalità.
Fortunatamente, alla faccia dei soloni che mi son sentito un paio di mesi orsono, quando taluni si son persino spinti a ipotizzare una Francia in stile Petain, una delle donne più bieche e sbagliate del pianeta porta nr 6 deputati al parlamento di Parigi, segnando la fine della bolla che l’aveva portata a sognare l’Eliseo, tanto rumore per nulla.
Che fra Le Pen e Macron, mi prendo tutta la vita il secondo.
Di più, lo prendo senza neppure voler leggerne il programma, che a oggi va di moda così.