Violenza sessuale aggravata sulle studentesse: chiesto il processo per i due carabinieri

A Firenze abusarono di due americane. Destituiti dall'Arma dovranno affrontare anche un processo militare per i reati di peculato e violata consegna

Carabinieri

Carabinieri

globalist 17 maggio 2018

Chiesto il processo per i due carabinieri accusati di aver violentato due ragazze americane dopo averle riaccompagnate a casa. La procura di Firenze ha infatti chiesto il rinvio a giudizio dei due militari, Marco Camuffo e Pietro Costa, accusati di violenza sessuale aggravata nei confronti delle due studentesse americane.
I due imputati sono stati destituiti dall'Arma la settimana scorsa e dovranno affrontare anche un processo militare per i reati di peculato e violata consegna.
L'episodio contestato avvenne la notte del 7 settembre dell'anno scorso, in un palazzo del centro di Firenze dove alloggiavano le due studentesse, e dove erano state riaccompagnate a bordo della gazzella del 112. A Marco Camuffo e Pietro Costa, la procura contesta l'aggravante di aver agito abusando della qualità di carabiniere in servizio e di aver violato gli ordini impartiti dai superiori.
Entrambe le ragazze, salite "illegittimamente" a bordo della Fiat Bravo del 112, sono risultate in stato di ebbrezza alcolica (1.68 grammi per litro uno, 1.59 l'altra, rilevazione effettuata alle 6.51 del mattino). Entrambi i carabinieri, secondo il capo d'imputazione, avrebbero agito in modo "repentino e inaspettato" per arrivare al rapporto completo.
A Camuffo, all'epoca il più alto in grado, il pm Ornella Galeotti contesta anche di aver afferrato per il collo la ragazza e aver ottenuto un rapporto orale. A questo punto sarà il gip a fissare la data dell'udienza. Le dichiarazioni delle ragazze sono già state acquisite in incidente probatorio. Pertanto non è necessario che tornino a testimoniare.