Per un errore hanno pagato la Tari il doppio del dovuto: è successo a Genova, Milano e Cagliari

E' venuto fuori che molti Comuni italiani avrebbero commesso un gravissimo errore sul calcolo della Tari facendo lievitare a dismisura il prelievo sulla tasse dei rifiuti a spese di milioni di famiglie italiane

Cassonetti dei rifiuti, foto di archivio

Cassonetti dei rifiuti, foto di archivio

globalist 10 novembre 2017

I cittadini di Genova, ma anche di altri importanti comuni italiani (ci sarebbero anche, tra gli altri, Milano e Cagliari, ndr), "pagano il doppio del dovuto per la Tari", la tassa comunale sui rifiuti. Lo denuncia il gruppo del M5S in Consiglio comunale genovese stamani sulla sua pagina Facebook. "Grazie all'interrogazione del nostro parlamentare Giuseppe L'Abbate è venuto fuori che molti Comuni italiani, tra cui Genova, avrebbero commesso un gravissimo errore sul calcolo della Tari facendo lievitare a dismisura il prelievo sulla tasse dei rifiuti a spese di milioni di famiglie italiane - spiega il gruppo -. Come MoVimento 5 Stelle Genova ci siamo già attivati per chiedere alla giunta Bucci di verificare immediatamente il procedimento di calcolo sulla Tari del Comune di Genova e se l'errore verrà riscontrato, di avviare subito un percorso per il rimborso del non dovuto a tutta la cittadinanza". Secondo l'M5S il Comune di Genova avrebbe applicato la quota variabile alle pertinenze dell'utenza domestica chiedendo ai contribuenti più di quanto dovevano versare.