Vita tra le nubi di Venere?

Dai dati della sonda Akatsuki, una nuova ipotesi sulla possibile presenza di microbi nel’atmosfera del secondo pianeta del sistema solare. I risultati su Astrobiology

Venere visto da Akatsuki (Japan Aerospace Exploration Agency)

Venere visto da Akatsuki (Japan Aerospace Exploration Agency)

Cercare trace di vita extraterrestre è uno degli obiettivi principali dell’astronomia. A tal proposito, gli scienziati hanno passato in rassegna ogni tipo di roccia: Marte, ad esempio, ha caratteristiche geologiche favorevoli all’antica abitabilità; lo stesso potrebbe dirsi delle lune di Saturno Titano ed Encelado, così come di alcuni satelliti gioviani.


Ora gli scienziati stanno rispolverando un’antica idea in materia di abitabilità oltre la Terra: Venere. Un nuovo studio pubblicato su Astrobiology riconsidera infatti l’ipotesi dell’esistenza di microbi nelle dense nubi che costituiscono l’atmosfera del nostro vicino planetario. Questa teoria, ottenuta grazie ai dati della sonda giapponese Akatsuki, sostiene che nelle le nuvole venusiane ci siano regioni con una strana concentrazione di nanoparticelle, che potrebbero essere ricondotte a qualche forma di vita microbica.


“Venere è stata potenzialmente abitabile per almeno due miliardi di anni dopo la sua formazione – dice Sanjay Limaye dell’Università del Wisconsin a Madison, leader dello studio – e questo è un periodo persino più lungo rispetto all’esistenza dell’acqua su Marte. Quindi non possiamo escludere la presenza di vita su Venere, che potrebbe essersi adattata alle nuove condizioni del pianeta.” Un’idea affascinante, che secondo gli autori dello studio merita di essere approfondita: “Dobbiamo andare laggiù e analizzare alcuni campioni delle nubi – propone Rakesh Mogul della California State Polytechnic University, co-autore dello studio. – Venere potrebbe essere un emozionante nuovo capitolo dell’esplorazione astrobiologica.”