Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X


Tempo liberato

Uno sguardo proibito sul piccolo Buddha

Suggestiva mostra fotografica di Laura Leonelli organizzata da Contrasto a Roma. Un'inedita incursione al femminile nella comunità di Luang Prabang, città simbolo in Laos

Redazione
sabato 2 febbraio 2013 13:26

Loading

Nel cuore del Laos, sulle tracce di Lem, il piccolo Buddha. Che per la prima volta lo sguardo di una donna ha potuto seguire nel suo percorso di distacco dalla famiglia all'ingresso in monastero. Lo sguardo è quello sensibile e poetico della fotografa Laura Leonelli. Fino al 31 marzo le sue fotografie saranno esposte nello Spazio Ducrot, a Roma (in via d'Ascanio 8/9) in una ampia mostra dal titolo "Lem. Viaggio iniziatico di un piccolo Buddha". Organizzata da Contrasto, che pubblica anche il catalogo, le immagini raccolte nell'arco di quattro anni raccontano in modo particolare la vita quotidiana della comunità di Luang Prabang, la città simbolo del buddismo theravada in Laos. «Per continuare i suoi studi, per diventare adulto - racconta l'autrice - Lem dovrà sopportare il distacco, la solitudine, la fame, dovrà sottoporsi a prove durissime per conquistare una nuova maturità. Durezze a noi ormai sconosciute - annota Laura Leonelli, collaboratrice de Il Sole 24 ore e di Panorama Travel -, protagonisti come siamo di una società che dilata all'infinito i confini dell'adolescenza». Nelle immagini vediamo avvolto nella tipica veste arancione dei monaci buddisti quando lascia il villaggio di origine ed entra in una nuova vita di studio e meditazione, in una comunità tutta al maschile. Ma ad accompagnarlo in questo viaggio, nella settimana che precede il Capodanno laotiano, in attesa della pioggia che gonfierà le acque del Mekong e farà scintillare l'oro delle pagode, è uno sguardo femminile, inedito, a modo suo proibito.



Home
Vai alla sezione Tempo liberato

Letto 2438 volte