Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
 
Connetti
Utente:

Password:



Salute

Papilloma virus, ecco i vaccini antiterrorismo (mediatico e non solo)

Sicuri, veloci da produrre e a basso costo. Ideali contro pandemie e bioterrorismo. Ma le multinazionali non vogliono abbandonare le vecchie tecnologie.

mercoledì 19 aprile 2017 10:32

Pochi Paesi al mondo, forse al momento nessuno, sono pronti a gestire un'emergenza sanitaria derivante da un attentato terroristico con agenti biologici su larga scala o da una pandemia. Più delle strutture ospedaliere l'anello debole della risposta, anche nei Paesi sviluppati, è il vaccino da somministrare alle vittime. Vaccino che oltre a essere sicuro deve essere veloce da produrre in grande quantità e a poca spesa. Tutto il contrario di quelli comunemente in commercio i quali, ottenuti da uova di pollo, mammiferi o lievito, si basano su tecnologie vecchie anche di 50 anni, non sono completamente sicuri (specie quelli ottenuti dalle uova), e per grossi quantitativi richiedono tempi lunghi di produzione. Presto però le cose potrebbero cambiare e il rischio di collasso dei sistemi sanitari nazionali di fronte, per esempio, al propagarsi di una pandemia da aviaria o di infezione da antrace, potrebbe essere scongiurato da nuove tipologie di vaccini. Quelli prodotti tramite la modificazione genetica di insetti e piante. È la nuova frontiera della biomedicina mondiale, spiega di Rosella Franconi, biotecnologa vegetale del Centro ricerche Enea della Casaccia.

«Sia le piante che gli insetti - precisa - rappresentano le nuove piattaforme tecnologiche di produzione dei vaccini. Messi a confronto con quelli tradizionali ottenuti da cellule di uovo o di mammifero, oppure dal lievito, questi prodotti presentano caratteristiche migliori: sono più sicuri, il rischio di infezione per l'uomo è limitato se non inesistente, e possono essere prodotti in grandi quantità in breve tempo e a bassi costi». Rispetto a quello da piante geneticamente modificate il sistema di produzione del baculovirus è in fase più avanzata. In sistemi derivati da insetti e piante sono state espresse sino a oggi più di 500 proteine diverse. Ma, mentre dalle cellule vegetali è stato prodotto e commercializzato finora solo un vaccino veterinario, ben quattro sono quelli ottenuti dai bachi, mentre sei antidoti per l'uomo sono in fase di sperimentazione avanzata. «I vaccini per l'uomo che si stanno producendo in cellule di insetto - spiega Franconi - sono contro l'influenza, il cancro della prostata, l'Hiv, la malaria, e il papilloma virus». E quello contro l'influenza potrebbe essere il primo prodotto da cellule di baco a essere messo in commercio. Inoltre, osserva la ricercatrice, «questo tipo di tecnica sembra la più indicata per sviluppare un vaccino veloce e più sicuro contro l'influenza aviaria». Un'eventuale epidemia ancora oggi verrebbe affrontata tramite la riproduzione del virus H5N1 nelle uova di pollo. Un metodo a forte rischio allergenico per l'uomo e che non garantisce la completa sicurezza. Inoltre il virus dell'aviaria uccide proprio gli embrioni di pollo. Senza contare la necessità di trovare in poco tempo un numero di uova sufficiente ad affrontare una pandemia.

Al contrario, sottolinea la scienziata dell'Enea, la coltura in insetto, ma in questo caso anche quella in pianta, «è un vaccino ricombinante che usa solo la porzione antigenica, e rappresenta sicuramente un grosso vantaggio in termini di tempo di produzione. E probabilmente anche di costi». Soprattutto negli Stati Uniti, e dopo la distruzione delle Twin towers cui si sono susseguiti numerosi allarmi di attacchi terroristici "all'antrace", alcune company hanno iniziato a lavorare alla produzione dei vaccini di nuova generazione. Mail turn over tecnologico in questo campo non è molto veloce perché le multinazionali farmaceutiche sono sempre restie ad abbandonare prodotti che in linea di massima ancora funzionano. Comunque sia, il governo Usa oltre a stanziare diversi milioni di dollari per fare ricerca e sviluppare i vaccini in pianta, per difendersi dal bioterrorismo ha messo in piedi una task force deputata a creare in poco tempo antidoti sicuri ed efficaci. Un esempio da seguire con attenzione anche al di qua dell'oceano Atlantico. Non tanto per combattere l'aviaria, che comunque appare costantemente sotto controllo, quanto per prevenire l'espandersi di patologie che non tanto raramente balzano agli onori delle cronache. Basta pensare ai recenti casi di meningite che si sono verificati in tutta Italia, ricorda Franconi: «Leggevo sul giornale che molte farmacie avevano una sola dose di vaccino contro il meningococco. In caso di pandemia - conclude la ricercatrice dell'Enea - potremmo permetterci una risposta del genere?».

Federico Tulli, Left-Avvenimenti 29 febbraio 2008