Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Scienza

Nei giorni feriali è più facile dimenticare i figli in auto sotto il sole

Un commento sulla sconcertante tesi della psichiatra Liliana dell'Osso, pubblicata sul Corriere fiorentino

Domenico Fargnoli
domenica 31 luglio 2016 10:55

Quando le mamme nei giorni feriali hanno molto da fare e dormono poco e sono stressate, possono "dimenticare" la propria bambina di 18 mesi in macchina al sole e quindi provocarne la morte. Se ne deduce che i figli dei pescatori o dei fornai che lavorano nelle ore notturne sono molto a rischio, per non dire quelli dei medici che fanno le guardie di notte. In questo articolo l'"Esperta", prof Liliana dell'Osso scrive alcuni profondi pensieri per il Corriere fiorentino, che diligentemente pubblica. L'amnesia che, talora ma non sempre comporta uno stato alterato di coscienza con caratteristiche dissociative, è cosa ben diversa dall'annullamento che ha un'origine non cosciente e che è rivolto contro le relazioni umane, talora, per una patologia silente, contro gli affetti più significativi. La coscienza nei soggetti colpiti può essere perfettamente integra mentre l'immagine e non il ricordo cosciente della propria bambina è scomparsa dalla vita psichica come conseguenza di una grave reazione anaffettiva.
Non siamo di fronte nel caso di Livorno ad una disattenzione ma ad una patologia psichiatrica che si manifesta, come la cronaca ci ha insegnato in casi analoghi , in un modo molto caratteristico.

Articolo originale pubblicato dallo psichiatra Domenico Fargnoli su domenicofargnoli.com